Alla scoperta di Piazza San Marco

Piazza San Marco, una delle più conosciute, ammirate e belle piazze al mondo, è da sempre considerata il Salotto di Venezia.
Qui, infatti, si svolgevano, e si svolgono tuttora, le manifestazioni e gli eventi più importanti di questa splendida e romantica cittadina.
In origine, Piazza San Marco era divisa dal Canale Botario; in seguito, nell’828 con la costruzione della Basilica, il canale fu interrato e la piazza ingrandita; oggi, Piazza San Marco è lunga 175 metri, larga 72 di fronte alla Basilica e 57 sul lato opposto, nei pressi del Museo Correr.
Invidiabile ed emozionante la vista che si può godere dal centro della Piazza. Da qui, infatti, si possono ammirare i palazzi più importanti sia per la vita religiosa veneziana sia per quella politica; oltre alla bellissima Basilica di San Marco, si possono osservare:

- Palazzo Ducale;
- Piazzetta San Marco dove si ergono le statue di San Teodoro e San Marco;
- la Zecca;
- la Biblioteca Marciana;
- il Campanile di San Marco.

Piazza San Marco, così come le zone vicine al Ponte di Rialto, sono le prime parti ad essere sommerse quando inizia il fenomeno dell’acqua alta, ovvero quando la marea supera i 90 cm sul livello del mare; in particolare, nei pressi della Basilica bastano 83 cm sul medio mare, mentre per coprire la parte più elevata della Piazza, quella centrale, la marea deve raggiungere il metro.
Piazza San Marco è anche il luogo in cui si trovano i caffè storici più conosciuti della storia veneziana. Venezia, grazie alla sua posizione strategica e ai vari rapporti commerciali intrattenuti nei secoli scorsi con il mondo arabo, è la cittadina in cui nasce la tradizione del caffè, oggi diffusa in tutta Italia.
S’immagini che già alla fine del diciassettesimo secolo nasceva, proprio in Piazza San Marco, la prima “botega da Caffè”, alla quale perfino Carlo Goldoni dedicherà una sua opera.

Nel 1700, vi è una vera e propria esplosione di locali, fra i quali possiamo e dobbiamo ricordare quello più noto e antico, in altre parole il Caffè Florian, inaugurato nel 1720 con il nome “Alla Venezia Trionfante”, dove si incontravano personaggi importanti come il Canaletto, Casanova, Guardi, Goldoni e Gabriele D’Annunzio.
Oggi, il Caffè Florian, simbolo del caffè a Venezia, è un importante struttura dove, oltre ad assaporare un ottimo caffè a due passi dal Canal Grande, si organizzano importanti eventi culturali quali mostre e momenti d’incontro.
Un altro caffè storico, situato in Piazza San Marco, è il Gran Caffè Quadri inaugurato nel 1775; un tempo luogo d’incontro di personaggi quali Stendhal, Wagner, Proust e Byron, è oggi sotto la conduzione della famiglia Alajmo, ed è meta di attori e registi impegnati alla Mostra del Cinema di Venezia.
Ultimo, ma non meno importante, è il caffè Harry’s Bar, famoso per essere il luogo in cui nel 1948, l’allora capo barista Giuseppe Cipriani, creò per la prima volta il famosissimo cocktail Bellini.
Nato nel 1931 in un vecchio magazzino nei pressi di Piazza San Marco, dall’idea di Harry Pickering, studente americano al quale deve il nome, l’Harry’s Bar nel 2001 viene dichiarato patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali.
Al suo interno artisti, scrittori e intellettuali del calibro di Toscanini, Chaplin, Guggenheim, trascorsero molto del loro tempo, mentre oggi, è uno dei locali preferiti da star internazionali, quali Sharon Stone, Leonardo di Caprio e George Clooney.

Questi i caffè più famosi presenti in Piazza San Marco, ma Venezia offre altri numerosi locali dove poter assaporare ottimi caffè, prelibatezze locali e perché no, fare incontri emozionanti e inaspettati con i nostri idoli più famosi.