E' tempo di castraure a Sant'Erasmo

Quello di Venezia fu il primo ghetto Ebraico d'Europa ed è oggi un vivacissimo rione della città lagunare, dove si trovano ancora le istituzioni religiose e amministrative ebraiche, oltre a ben cinque sinagoghe.

Ma pochi sanno che un'altra delle eredità della cultura ebraica, è rappresentata dai carciofi, che sono stati appunto introdotti nella cucina veneziana, dalla comunità ebraica.
La stagione ufficiale dei carciofi a Venezia, inizia a fine aprile con la raccolta delle castraure, il primo germoglio del carciofo, tenerissimo, che si presta a ricette squisite: fritti in pastella, crudi con un filo di olio d’oliva, oppure cotti lentamente con aglio o cipolla e l’aggiunta finale di aceto o limone.

Sono considerati una primizia e una vera delizia perchè sono disponibili solo per pochi giorni: 15/20 al massimo!
Il ghetto è bellissimo da visitare e se vi fermerete in una delle osterie e trattorie tipiche, l'esperienza sarà ancora più appagante.